229

Bewrited

bewritedlogoallura

Bewrited


facebook
twitter
instagram

Consulta la Coockie Policy  e la Privacy Policy

© 2017 - 2019 by Annalisa Rizzi

ocean-36055471920

Blog

Deliri letterari e altre amenità

16/10/2019, 08:30



Blog-tour:-"L’ultima-cura"-di-Elena-Mandolini-(Dark-Zone)


 Rieccoci con i nostri amici di Dark Zone per il secondo appuntamento di oggi con il nostro amato blog tour!Stavolta sarà Elena Mandolini a presentarci i personaggi de "L’ultima cura", il suo nuovissimo romanzo.



Rieccoci con i nostri amici di Dark Zone per il secondo appuntamento di oggi con il nostro amato blog tour!
Stavolta sarà Elena Mandolini a presentarci i personaggi de "L’ultima cura", il suo nuovissimo romanzo.

Come scegli i protagonisti dei tuoi romanzi? Quanto di te c’è in loro?
Una domanda non semplice. Tento di seguire l’istinto, di capire di quali personaggi la storia stessa abbia bisogno per essere raccontata al meglio. È una sorta di simbiosi. Sono loro che danno vita agli eventi, che fanno evolvere il romanzo e, allo stesso tempo, la storia fa evolvere i personaggi. Pertanto desidero che siano in sintonia con il mondo che ho creato. Di sicuro cerco personaggi che abbiano una particolarità, fisica o caratteriale. Prediligo quelli drammatici, che abbiano una colpa, una pena, un peccato sulle spalle.  Quanto di me c’è in loro? Credo che ci sia un poco di me in ogni personaggio, chi più chi meno. Magari alcuni hanno delle caratteristiche che apprezzo, ad altri regalo (regalo, si fa per dire, ovviamente) delle singolarità che non sopporto, dei tic o delle debolezze. Sono tutti parte di me, anche se non sono me.

Per costruirli preferisci ispirarti a persone reali, oppure li inventi di sana pianta?
A livello caratteriale tento di inventarli partendo da zero; giusto ogni tanto posso prendere spunto da un mio amico, da un parente o una conoscenza, oppure da una mia mania, per riallacciarmi alla domanda precedente. Ideare i personaggi è una fase che adoro del processo creativo, perché puoi scatenarti e divertirti. Per quanto riguarda l’aspetto fisico, mi lascio ispirare dagli attori che più apprezzo. Da cinefila ed ex critica cinematografica, prendo sempre spunto dal grande schermo. Ogni volta, cerco di trovare un attore o un’attrice che abbia quelle caratteristiche fisiche che ricerco per il mio personaggio. Per esempio, per Claudia, la protagonista de L’ultima Cura, mi sono lasciata ispirare da Vera Farmiga. Grandi occhi blu espressivi, con un viso dolce e angelico.

L’antagonista: che qualità deve necessariamente avere il "cattivo di turno" affinché sia davvero tridimensionale?
Ritengo che un cattivo, per essere credibile e tridimensionale, debba avere più sfaccettature. Non può essere solo e soltanto malvagio; non deve essere come la strega diabolica di una fiaba.  Ha bisogno di una forte caratterizzazione che tocchi più lati della sua personalità. Come i buoni non devono essere in toto virtuosi (sempre a parere personale) anche l’antagonista deve avere qualcosa di benigno da salvare.  Come nella realtà, dove ogni essere umano ha una parte cattiva e una parte buona e sta, poi, alla coscienza dell’individuo scegliere quale parte far emergere e coltivare, ma l’altra parte rimarrà comunque dentro di lui. I cattivi maggiormente memorabili sono quelli che mostrano anche le loro vulnerabilità e, nella loro eventuale follia, è possibile trovarvi persino rigore e logica. Magneto, Thanos, il Joker di Heat Ledger, Bane ne Il ritorno del Cavaliere Oscuro, Michael Corleone, Cersei Lannister, Hannibal Lecter, Norman Bates, Jack Torrance. Questi sono alcuni dei nomi che mi vengono in mente come esempio di antagonisti indelebili.

Nel tuo libro c’è un personaggio che preferisci? Hai un aneddoto da raccontarci sul suo conto?
Li ho amati tutti, ma sì, c’è un personaggio che preferisco. Non è un personaggio principale ma ha comunque la sua importanza nel romanzo e, nello scrivere di lui, mi sono emozionata. Forse per quello che rappresenta, forse perché anche lui avrebbe una storia da raccontare e meriterebbe di essere ascoltata. Magari un giorno troverà il coraggio di dirmela. Per ora posso dire che, quando ho finito di scrivere una scena che lo riguardava personalmente, ho dovuto spengere il pc e farmi una bella passeggiata al sole. Non posso dire esplicitamente chi sia, perché è legato a uno spoiler importante.

Nel romanzo c’è una frase o un piccolo passo che possa riassumere l’essenza di questo personaggio in particolare?
Sì, c’è, ma non posso rivelare nulla. Posso solo dire di ascoltare bene.

Grazie per lo spazio che ci hai dedicato! Ti va di lasciare un saluto ai lettori?
Grazie mille a voi per avermi ospitata. È stato un vero piacere rispondere a queste domande.  Spero che i lettori possano trovare qualcosa di loro nel mio romanzo e che possano emozionarsi, come io mi sono emozionata nello scriverlo.



1

Categorie

Cerca nel blog

Ultimi dieci post

Note a margine

Bewrited non chiede alcun compenso per per i propri servizi, ma si sostiene partecipando al programma di affiliazione Amazon.

Acquistando i tuoi libri tramite il link in calce ai singoli post mi aiuterai, senza alcun costo aggiuntivo, a offrire visibilità agli autori esordienti ed emergenti italiani.

Archivio

Create a website