229

Bewrited

bewritedlogoallura

Bewrited


facebook
twitter
instagram

Consulta la Coockie Policy  e la Privacy Policy

© 2017 - 2019 by Annalisa Rizzi

ocean-36055471920

Deliri letterari e altre amenità

Il blogsalotto di Annalisa Rizzi

19/05/2019, 09:30



Blog-tour:-"Oltre-la-Barriera"-di-Filippo-Mammoli-(Dark-Zone)


 Terzo e ultimo appuntamento di oggi con i blog tour dedicato agli amici di Dark Zone! Filippo Mammoli chiude il cerchio, svelandoci qualche retroscena a proposito di "Oltre la Barriera", il suo nuovo romanzo.



Terzo e ultimo appuntamento di oggi con i blog tour dedicato agli amici di Dark Zone! Filippo Mammoli chiude il cerchio, svelandoci qualche retroscena a proposito di "Oltre la Barriera", il suo nuovo romanzo.

Come scegli i protagonisti dei tuoi romanzi? Quanto di te c’è in loro?
Pesco dal mio vissuto personale, mischiando e intersecando con le storie viste e sentite. In questo contano molto anche le mie letture e quanto arriva dal cinema o dalla televisione.
Quasi sempre c’è molto di me in uno o più personaggi. In questo romanzo, direi che mi rispecchio molto nel modo di pensare e approcciarsi alla vita di Lorenzo Rossi, il protagonista.

Per costruirli preferisci ispirarti a persone reali, oppure li inventi di sana pianta?
L’idea iniziale è quella di inventarli creandoli dal nulla. Salvo poi accorgersi che finiscono inevitabilmente per somigliare a qualcuno molto reale.

L’antagonista: che qualità deve necessariamente avere il "cattivo di turno" affinché sia davvero tridimensionale?
Deve trasparire un fine e una personalità sua, anche forte, al di là della contrapposizione con il protagonista.

Nel tuo libro c’è un personaggio che preferisci? Hai un aneddoto da raccontarci sul suo conto?
Scartando per ovvie ragioni il protagonista, scelgo Carl Sain, direttore del penitenziario in cui è recluso Lorenzo, e suo primo nemico. L’aneddoto che scelgo, è l’accoglienza che riserva a Lorenzo al suo arrivo nel carcere. Mentre gli consegna la divisa e la Bibbia,  gli ricorda che da ora avrà molto tempo per rendersi conto che la sua presunzione costituisce un errore imperdonabile commesso verso Dio stesso. Gli promette anche che gli dimostrerà la sua inflessibilità di difensore della fede. Avrete modo di scoprire come e quanto tale promessa verrà mantenuta.

Nel romanzo c’è una frase o un piccolo passo che possa riassumere l’essenza di questo personaggio in particolare?
Dopo un’omelia durante una Messa della domenica, Sain chiede a Lorenzo di commentare un passo della Bibbia. Al rifiuto di Lorenzo, che capisce il tranello senza scampo, e chiama ’teatrino’ la sua farsa, risponde così: 
«Come ti permetti di rivolgerti a me in questo modo e di chiamare ’teatrino’ quella che era un’offerta sincera? Ti sto dando la possibilità di redenzione tramite la parola del Signore. Ma se pensi che io mi arrenda di fronte ai tuoi rifiuti significa che non hai ancora capito con chi hai a che fare. Perché, vedi, io potrei anche rinunciare, ma qui non stiamo parlando della mia volontà, bensì di quella di Dio. E credo proprio che con Lui non ci sia gara, neppure per un grande scienziato. Ci rivediamo tra tre giorni, alla fine di un periodo di riflessione in cella di isolamento. Te lo sei meritato tutto.»

Grazie per lo spazio che ci hai dedicato! Ti va di lasciare un saluto ai lettori?
Ciao a tutti e spero proprio di farvi divertire e anche un po’ arrabbiare con le vicende di "Oltre la Barriera".


1

Categorie

Cerca nel blog

Ultimi dieci post

Note a margine

Bewrited non chiede alcun compenso per per i propri servizi, ma si sostiene partecipando al programma di affiliazione Amazon.

Acquistando i tuoi libri tramite il link in calce ai singoli post mi aiuterai, senza alcun costo aggiuntivo, a offrire visibilità agli autori esordienti ed emergenti italiani.

Archivio

Create a website